4-5 Dicembre 2021

Weekend tra i Castelli del palermitano e
Borgo Parrini, la "Barcellona in miniatura"

PROGRAMMA

1° Giorno: SEDE - MARINEO - FICUZZA

Raduno dei Sigg. Partecipanti, sistemazione in Pullman e partenza per Marineo, comune in provincia di Palermo, sovrastato da un’imponente rupe, la Rocca. Il nome del paese si deve alla sua particolare posizione, posto com’è tra la costa e l’entroterra, lungo la strada che collegava il capoluogo siciliano all’interno. Infatti, coloro che provenivano dall’altra parte dell’Isola, giunti a Marineo scorgevano nuovamente il mare. Simbolo di Marineo è sicuramente il Castello Beccadelli, che prende il nome dal feudatario che fondò il paese e che risale al 1559, come si apprende da una lapide posta nei pressi dell’ingresso del piano superiore. Al piano terra si trovavano gli ambienti destinati alla servitù, mentre al piano superiore si trovavano la residenza nobiliare e le camere di rappresentanza. Attualmente il Castello ospita il Museo Regionale della Valle dell’Eleuterio, con numerose testimonianze storico – archeologiche e artistiche del comprensorio territoriale. Pranzo al ristorante. Nel pomeriggio, proseguimento per la visita della Real Casina di Caccia di Ficuzza, costruita nel bosco della Ficuzza, a partire dal 1799 per il re Ferdinando III di Sicilia, che la volle come tenuta estiva da adibire alla caccia. L’edificio ha pianta rettangolare con prospetto dalle linee neoclassiche dell’architettura siciliana, sovrastato dal gruppo scultoreo del dio Pan e della dea Diana con al centro lo stemma borbonico. Nelle rispettive estremità della facciata vi sono due grandi orologi murali. Assieme alla palazzina vennero costruiti i fabbricati minori e la piazza centrale. Attorno a quest’ultima si sviluppò nel corso del tempo una vera e propria piccola borgata. Al termine della visita, arrivo in hotel, sistemazione nelle camere riservate, cena e pernottamento

2° Giorno: BORGO PARRINI - CARINI - SEDE

Prima colazione in hotel e partenza per una passeggiata a Borgo Parrini, piccolissima frazione del comune di Partinico. La storia di questo borgo inizia nel XVI secolo, quando i padri del Noviziato dei Gesuiti di Palermo, decisero di acquistare alcuni terreni agricoli nei pressi del paese di Partinico (proprio da qui nasce il nome “Parrini” che significa appunto preti). Agli inizi del ‘700, i Gesuiti fecero costruire in quei terreni alcune strutture, tra cui un mulino, svariati magazzini, torrette di avvistamento per i campieri, abitazioni per coloni e braccianti, ed una chiesetta, che fu intitolata a Maria SS. del Rosario. Nel secondo dopoguerra, Borgo Parrini rimase quasi del tutto disabitato e in decadenza, fino a una decina di anni fa, quando un imprenditore e i pochi residenti rimasti, decisero di dare al borgo una nuova vita. La ristrutturazione dell’intera frazione si ispirò allo stile di Gaudì, gli edifici vennero colorati, pavimentazioni e muretti furono ricoperti di piastrelle dai colori sgargianti e i muri furono decorati da murales e opere d’arte. Rientro in hotel per il pranzo. Nel pomeriggio, partenza per la visita del Castello La Grua Talamanca di Carini, che prende il nome dai baroni di Carini che lo abitarono fino ai primi anni dell’800. Il maniero divenne famoso quale teatro di una tragica vicenda: il 4 dicembre 1563 donna Laura Lanza di Trabia baronessa di Carini, moglie di don Vincenzo La Grua-Talamanca, venne uccisa dal padre per motivi di onore insieme al presunto amante Ludovico Vernagallo. Dal punto di vista artistico-architettonico le mura medievali risalgono all’XI e XII secolo. Uno scalone immette nella sala magna con soffitto ligneo scolpito e dipinto; di notevole interesse sono la Cappella con un tabernacolo in legno risalente al XVII secolo e il Salone delle Feste di gusto rinascimentale con un soffitto a cassettoni e un camino sormontato da uno stemma rappresentante una gru (lo stemma dei La Grua). Al termine della visita, sistemazione in pullman per il rientro in sede.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

QUOTA INDIVIDUALE DI PARTECIPAZIONE: € 125,00**

Tale quota si riferisce ad un numero minimo di 25 partecipanti e multipli.

SUPPLEMENTI E RIDUZIONI:

**Spese di gestione pratica € 5,00 (Includono assicurazione medico no stop e bagaglio)
Supplemento singola € 20,00; Bambini 0-6 anni: € 50,00; Bambini 7-12 anni: € 95,00

LA QUOTA COMPRENDE:

Bus per visite ed escursioni come da programma; Sistemazione presso Hotel 3*Sup./4* in camere doppie con servizi; Trattamento di pensione completa, bevande ai pasti incluse (½ acqua – ¼ vino): Accompagnatore; Assicurazione Europ Assistance Medico no-stop e bagaglio; Assicurazione per RC n°9380696

LA QUOTA NON COMPRENDE:

Tassa di Soggiorno (ove richiesto) non quantificabile in anticipo e da pagare in loco; Assicurazione Annullamento viaggio facoltativa; Ingressi ed extra in genere di carattere personale e tutto quanto non espressamente indicato alla voce “LA QUOTA COMPRENDE “.

Note

Informazioni utili per il Contenimento Covid-19: Al momento della partenza sarà necessario compilare e firmare un’apposita autocertificazione sul proprio stato di salute, fornita dal nostro staff; Durante il viaggio, si raccomandano il rispetto della distanza interpersonale di 1 metro, sedendosi nei posti indicati, l’igienizzazione frequente delle mani e l’uso della mascherina (da aggiornare sempre con le normative in corso).

N.B. Il programma può subire qualche variazione senza alcun preavviso per cause non dipendenti dalla ns. volontà. La quota deve essere così versata: 30% dell’importo totale all’iscrizione e il saldo 45 giorni prima della partenza. Il viaggio è soggetto a riconferma da parte dell’agenzia entro 15 giorni dalla data di partenza o al raggiungimento minimo dei 25 partecipanti. I posti sul bus saranno attribuiti in ordine di prenotazione e saranno da rispettare per tutto il viaggio. Orari e Luogo di partenza saranno confermati telefonicamente qualche giorno prima. Condizioni generali di contratto di vendita di pacchetto turistico da richiedere in Agenzia.